Ruta Patavina  

 Clerodendron trichotomum

   

 

 

 

 

 

 



 


 


Il Clerodendrum trichotomum Ŕ una pianta della famiglia delle Lamiaceae, originaria del Giappone. ╚ la specie di Clerodendrum pi¨ comune in Italia.

Morfologia

╚ un grande arbusto che raggiunge un'altezza di 4 m, chioma larga fino a 4 m, molto ramificato. I rami sono coperti di peluria.

Ha foglie decidue, scabre, lunghe fino a 25cm, lungamente picciolate a lamina di colore verde scuro, dalla forma triangolare. Le venature della pagina inferiore sono pelose.

Fioritura tra luglio e agosto. I fiori bianchi, stellati, riuniti in grandi corimbi intensamente profumati, ricordano quelli del gelsomino.

I frutti autunnali sono bacche rotonde, delle dimensioni di un pisello, racchiuse da un calice a forma di lanterna di colore rosso-cardinalizio. Dapprima verdi, si scuriscono all'apertura del calice, diventando blu-viola. Non sono tossici.

Esemplari notevoli

A Pavia, in viale Matteotti, si trova un esemplare alto circa 5 metri.

Distribuzione

Originaria della Cina, Giappone e l'isola di Giava, Ŕ la specie di Clerodendrum pi¨ comune in Italia. Introdotta nel 1800 dal Giappone, la si trova nella pianura Padana.

Usi

  • Molto utilizzata come pianta ornamentale in parchi, viali e giardini. Le foglie hanno proprietÓ ipotensive.

Metodi di coltivazione

Sopporta bene il caldo e il freddo (fino a -10C), ma vuole una buona esposizione al sole. Si riproduce per semina in primavera, per talea semilegnosa o interrando porzioni delle radici.


Foto riprese sui Colli Euganei - Monte Murale
da Paola Polato

Fonti: Wikipedia